venerdì 28 febbraio 2014

Lanzarote: giorno 5, 6 e 7

Il vento ha continuato a tirare e se possibile ancora più forte di prima. Martedi sono uscita in bici ma non mi sono per niente sentita sicura. Folate così forti da raggiungere livelli di pericolosità e sembra che sia successo più volte che qualche ciclista sia caduto proprio a causa del vento. Le previsioni per mercoledi promettevano ancora peggio e io mi sono presa il dovuto :-) riposo settimanale dalla bici. Giovedi sono poi uscita di nuovo e per sicurezza sono rimasta sulla stessa strada, fatto su e giù tra due rondelli per 2 ore!! Nuoto e corsa sono andati senza grandi problemi, e la settimana di allenamento è passata veloce. Ora sono di nuovo in Svezia.

lunedì 24 febbraio 2014

Lanzarote: giorno 3 e 4

Sono sopravvissuta anche al terzo e quarto giorno. Ieri mi sono svegliata con il male alle braccia e udite udite la novità è che avevo anche male alle spalle, il che voleva dire che il nuoto aveva lasciato il segno. Ieri ha tirato meno vento del giorno prima e così l'allenamento di bici è sembrato un po' di più un normale allenamento. Ho fatto la strada panoramica del Golfo e mi sono fermata lì, nel senso che ho fatto su e giù per quelle salite e tornata a casa dopo 2 ore e 20. Nel pomeriggio ho preso il pullman messo a disposizione dall'albergo per andare a Playa Dorada e fare l'allenamento di nuoto. Non è andato bene. Arrivata alla spiaggia ho dormito un'ora, ero così stanca che non mi sentivo proprio di iniziare a nuotare, e mi conosco troppo bene, direttamente dopo una dormita non riesco ad allenarmi. Ma non avevo nessuna alternativa dovevo riuscire a fare l'allenamento prima di prendere l'ultimo pullman per tornare all'albergo, ho messo la muta e mi sono buttata in mare. Non ha funzionato niente, soprattutto la testa e dopo 30 minuti sono uscita.

Oggi è stata un'altra giornata ventosa, sono riandata al Golfo e fatto come ieri. Evidentemente mi piace quella strada, l'asfalto, il panorama, il fatto che gira spesso così che non hai km e km controvento o con il vento a favore e poi ha tratti ondulati e qualche salita. Credo proprio che continuerò lì anche i prossimi giorni. Sembra poi che io non sia la sola a preferire giusto quel posto, oggi ho incontrato un bel po' di ciclisti e triatleti che avevo visto ieri...ormai ci riconosciamo :-). Il nuoto è andato meglio oggi, mi sentivo bene ma ho resistito in acqua solo 45 minuti, invece dei 60 programmati. Sentivo troppo freddo e quando ho cominciato a tremare ho preferito uscire.

Ora comincio veramente ad essere stanca. Come ho scritto prima di partire non sono arrivata a questo campo di allenamento ben preparata e quattro giorni di fila di allenamenti si sentono, mi sa tanto che ci sarà un giorno di riposo dalla bici, vedremo.

Ora vi lascio, buonanotte!

sabato 22 febbraio 2014

Lanzarote: giorno 2

Mi sono svegliata con un dolore alle braccia "Ma che cavo" non ho fatto in tempo a dire "lo" che avevo capito, la bici di ieri. Sì perché uno va in bici e corre e il giorno dopo gli fanno male le braccia :-). E già, il vento, era così forte che evidentemente ho fatto una faticaccia per tenere la bici sulla strada. Non potevo fare altro che cercare di mandar via il pensiero, il programma prevedeva un'ora di nuoto in mare.

Playa Blanca 2014

Freddo all'inizio, ma è normale, ma quello che è strano è che dopo essermi riscaldata ho iniziato di nuovo a sentire freddo, soprattutto alle braccia negli ultimi 600 metri tanto che volevo uscire prima. Ma sono rimasta in acqua e fatto tutto l'allenamento.

Tornata in albergo ho mangiato un boccone, un po' di pollo con pomodori e sono uscita in bici. Volevo fare più di ieri ma in realtà non so che pensare di questi allenamenti. O fai una faticata contro vento che più che un allenamento di bici ti sembra una sessione di potenziamento oppure se hai vento a favore ti lasci trasportare senza riuscire a pedalare. Insomma non mi sembra un granchè. Proprio a causa di questo vento ho deciso di cambiare programma, non decido quanti chilometri fare ma  quanto fare di "potenziamento", in termini di tempo. Certo può sembrare strano ma credo che per questa volta sia la cosa migliore per me. Abito a Playa Blanca, all'estremo sud dell'isola e c'è una sola strada per uscire da lì, controvento in uscita. Così oggi mi sono detta che avrei dovuto fare 1 ora e 40 controvento e poi tornare veloce con il vento alle spalle. È diventato un po' di più di quello che avevo  programmato e sono ritornata dopo 2 ore e 40. Più vento e più dislivello di ieri, ma va bene. Gli ultimi chilometri, anche se con vento a favore sono stati una sofferenza.

In albergo mi sono riscaldata con una tazza di te caldo e poi via di corsa, 40 minuti dopo era l'allenamento della giornata finalmente completo :-).

Ora sono appena ritornata da una passeggiata fatta nel centro del paese, se così si può chiamare, ma devo essere sincera potevo risparmiarmela. Ora sono stanca morta. Vado a letto, domani è un altro giorno.....di allenamenti. Buona notte!

venerdì 21 febbraio 2014

Lanzarote: giorno 1

È stata una lunga giornata oggi. Giù dal letto alle 3:30 per poi arrivare in albergo alle 12 ora locale (13 in Italia). Vento e meno gradi di quanto pensavo. Montato le bici in fretta e poi via in sella. Vi dico solo che nei primi 80 minuti ho tenuto una media di 18.8 km/h!!!! Con la bici da corsa, non in MTB!!! Chi non fa bici non si rende conto di quanto lento sia 18.8 km/h. Quando poi ho deciso di girare per tornare sulla stessa strada e avuto vento a favore ho impiegato meno della metà del tempo di andata! Cambiato scarpe e poi di corsa, solo 30 minuti ma l'importante è averla fatta, la corsa dopo la bici intendo. Ora sono le 21 meno un quarto, ora locale e dopo questa lunga giornata è il caso di mettersi al letto. Domani è un nuovo giorno con nuovi km da percorrere e un po' di salite da affrontare. Buona notte!

domenica 16 febbraio 2014

Sono ancora qua

Ciao ragazzi! No! Non sono scappata e sì mi sto allenando, non molto ma lo sto facendo. È solo che ho dannatamente molto da fare al lavoro e la sera sono stanca morta.

Ma tra quattro giorni si vola verso il primo campo di allenamento dell'anno e ci arrivo impreparata come non mai. Probabilmente dalle 30 ore a settimana di allenamento che avrei dovuto fare scendo alla metà. 15 ore in una settimana, ce la faccio? Boh! Vedremo.

Allora l'ultima volta che ci eravamo sentiti era il 3 febbraio. Da allora ho corso 8 volte, fatto due volte palestra e 1 volta nuoto. La bici? Me la sono dimenticata. Ma tra 4 giorni si farà sul serio, vabbè diciamo che si farà meglio di quello che ho fatto finora, speriamo. Porto la bici con me, quella da corsa non da tempo. Certo impreparata come sono non farò dei lunghi lunghi, ma almeno si va in bici sul serio e non su un trainer.

E speriamo nel sole e poco vento.

Lanzarote 2009


lunedì 3 febbraio 2014

Quanto è lontano l'Ironman

Non intendo in termini di tempo ma in termini di forma. Sabato sono andata a correre e provato la mia nuova fascia :-). 78 minuti, lenti e li ho sentiti tutti. In realtà è già un grande passo aver fatto tutti quei minuti, l'ultima volta che avevo corso era il 18 gennaio, ma certo che differenza con qualche mese fà. Ma di chi è la colpa? Chi è che non si allena come prima?

Domenica sul trainer, sono arrivata al quinto cd del libro di Liza Marklund. Come al solito finisco col fare le ripetute su i watt. 3 minuti di lavoro e 2 di recupero. Forse qualcuno può pensare che i 2 minuti di recupero siano un po' troppi per i 3 minuti di lavoro, ve lo lascio pensare, io so che ho bisogno di tutti quei 120 secondi!

Vista dal trainer :-)